• 030 728 3030
  •  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SCONTI SULLE TARIFFE INAIL 2021: E’ GIA’ ORA DI COMINCIARE A PENSARCI!

Scritto il 31 Agosto 2020

L’INAIL ha reso disponibile sul proprio sito il nuovo modello OT23, da presentare entro il 28 febbraio 2021 per ottenere una riduzione del premio da corrispondere in autoliquidazione. Ma attenzione a pensarci per tempo: per accedere allo sconto 2021 bisogna aver realizzato determinati interventi in materia di sicurezza entro la fine del 2020.

 

Il 2020 non è ancora finito, ma una cosa è certa: non è stato un anno facile, soprattutto per le aziende.

Per questo, oggi più che mai, è necessario rimanere aggiornati e consapevoli delle opportunità a cui le aziende possono accedere, in termini di vantaggi economici.

Tra questi c’è la possibilità di ottenere uno sconto del premio dovuto ogni anno all’INAIL (sconto che, a seconda del numero di dipendenti, può arrivare fino al 28%), per assicurare la propria forza lavoro contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Un’opportunità da non lasciarsi scappare, soprattutto dopo un’annata dove moltissime imprese (la maggior parte) hanno dovuto fare i conti con bruschi cali del fatturato.

Lo sconto sull’ammontare totale del premio dovuto sarà richiedibile tramite la compilazione di un apposito modello disponibile on line sul sito dell’INAIL, noto come Modello OT23.

Una volta effettuata la compilazione in tutti i suoi punti, l’OT23 dovrà essere inviato in via telematica all’INAIL, entro e non oltre il 28 febbraio 2021, in modo da accedere allo sconto che sarà valido per la competenza dell’anno 2021.

Direte voi: “e allora perché tanta fretta?”.

E’ presto detto.

Per poter accedere a questa forma di agevolazione è necessario che l’azienda effettui degli interventi di varia natura, che siano mirati al miglioramento delle politiche di messa in sicurezza e/o di formazione del personale; il concetto è: tu azienda hai fatto degli investimenti in materia di sicurezza? Allora io INAIL ti premio con uno sconto sulla tariffa annuale di assicurazione contro gli infortuni.

Gli interventi che danno diritto allo sconto, devono però essere attuati entro e non oltre il 31 dicembre 2020: ecco perché è importante cominciare a pensarci già sin d’ora!

Gli interventi in materia di sicurezza e le formazioni del personale devono essere attentamente programmate: iniziare a pensarci già al rientro delle vacanze significa avere un’ottima prospettiva di lungo termine, perché permetterà di risparmiare per l’anno successivo. Si tratterebbe di una sana lungimiranza che gioverà sia agli imprenditori che ai lavoratori dipendenti.

Ma entriamo nei dettagli:

Come funziona e come sorge il diritto allo sconto INAIL?

Lo sconto sulla tariffa INAIL spetta solo se sono presenti, in capo all’azienda che fa la richiesta tramite OT23, tutti i seguenti requisiti:

  1. l’azienda deve essere in regola dal punto di vista contributivo e assicurativo;
  2. l’azienda deve rispettare le disposizioni obbligatorie in materia di salute e di sicurezza sul lavoro;
  3. l’azienda, oltre all’ordinario rispetto delle disposizioni di cui sopra, deve porre in essere un quid pluris in ambito di sicurezza, rappresentato da una serie di interventi che devono essere riportati nel modulo OT23.

Ad ogni intervento indicato al punto 3, verrà assegnato un determinato punteggio:  solo se verrà raggiunta la soglia  dei 100 punti complessivi, si avrà diritto alla riduzione tariffaria.

Gli interventi idonei a produrre punti utili al raggiungimento della soglia minima di 100 punti, sono raggruppati in 6 sezioni:

  • prevenzione degli infortuni mortali (non stradali)
  • prevenzione del rischio stradale;
  • prevenzione delle malattie professionali;
  • formazione, addestramento informazione al personale;
  • miglioramento delle misure organizzative in ambito di gestione della salute e sicurezza sul lavoro;
  • gestione delle emergenze e acquisto DPI.

Ad ogni intervento effettuato in uno di questi ambiti verrà assegnato un punteggio. Tra le novità di quest anno, abbiamo che (ad eccezione degli interventi in ambito di misure organizzative in ambito di gestione della salute e sicurezza) non è più necessario che gli interventi risultino attuati su tutte le PAT attive; inoltre, per alcuni interventi è previsto un punteggio bonus di +10 punti, il quale viene assegnato ai settori maggiormente esposti al rischio che si intende ridurre con l’intervento.

Attenzione però: mettere in atto forme di prevenzione, rientranti negli ambiti sopra esposti, non basta! Infatti, assume un’importanza altrettanto primaria, la fase di rendicontazione e di produzione di idonea documentazione probante l’adozione di determinate misure.

Chi dovrà giudicare la spettanza o meno dello sconto non conosce la realtà aziendale, e fonderà la propria decisione in base al materiale prodotto con l’istanza.

Per questo noi Consulenti del Lavoro non possiamo che raccomandare: allegate tutto il materiale che ritenete possa essere utile a provare, non solo l’effettiva adozione dell’intervento, ma anche la data, l’utilità e l’impatto benefico sull’organizzazione aziendale nel suo complesso. Non è infatti raro che istanze di riduzione della tariffa INAIL vengano respinte proprio per insufficiente documentazione prodotta!

Infine, occhio anche ai requisiti formali e amministrativi! Il corretto invio di tutta la documentazione richiesta, oltre che ai requisiti di regolarità contributiva vengono vagliati in modo rigoroso.  Consigliamo pertanto di rivolgervi al vostro Consulente del Lavoro di fiducia, oltre che al consulente per la sicurezza sul lavoro, indispensabile in una pratica di questo genere: non solo vi sapranno dare supporto per evitare spiacevoli sorprese, ma sapranno senz’altro indicarvi dettagliatamente le corrette procedure da seguire.

Condividi con:

  • Via del Sebino 12/B, 25126 Brescia (BS)

  •  Via F. Algarotti, 4, 20124 Milano (MI)

  • 030 7283030 (Brescia) -  02 97190054 (Milano)

  • 030 3392236

  • 347 1818399

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.